Crea sito

Cosa cambierà in Edilizia già dal 2018?

Casa in legno ad alte prestazioni energetiche. In Germania - http://www.german-homes.ie/about/platz-4/
Casa in legno ad alte prestazioni energetiche. In Germania – http://www.german-homes.ie/about/platz-4/

Finalmente arriviamo alla resa dei conti, che prevede un’adeguamento degli edifici pubblici costruiti dal 2018 in poi e edifici civili a partire dal 2020, a norme di altissimo risparmio energetico.

Mentre oggi gli edifici civili arrivano ad utilizzare il 40% delle risorse energetiche rilasciando alti quantitativi di CO2, dal 2020 questo non sarà più possibile, infatti la normativa prevederà EDIFICI A CONSUMO di ENERGIA QUASI ZERO.

Cosa cambierà dal 2020 nell’edilizia privata?

Tutto quello che sarà costruito di nuovo, e gli edifici già esistenti dovranno adeguarsi alle norme europee sul risparmio energetico, e dovranno essere certificati sulla conformità dei lavori realmente eseguiti. La normativa nazionale richiederà, inoltre,  ispezioni regolari alle caldaie e ai sistemi di climatizzazione.”

Oltre a consumare quasi Zero l’energia che servirà agli edifici per l’uso quotidiano e per il loro mantenimento dovrà pervenire in larga misura da fonti rinnovabili e questo dovrà avvenire anche per i progetti di ristrutturazione. Saranno previsti finanziamenti anche da parte dell’Unione Europea.

Cosa cambia nel 2018 per l’edilizia pubblica?

Le norme di cui abbiamo parlato sopra saranno applicate all’edilizia pubblica in anticipo rispetto al 2020, infatti gli edifici pubblici dovranno essere quelli che danno l’esempio, mettendo in pratica queste norme a partire già dal 2018.

Cosa significa questo?
Significa che oggi chi decide di costruire un nuovo edificio o di ristrutturarlo dovrebbe tenere conto di questa norme, per non ritrovarsi fra qualche anno con un edificio economicamente svalutato e fuori norme europee. Questo andrebbe ad incidere moltissimo sia sul valore di vendita che su quello di affitto. Inoltre tali edifici, pur essendo di nuova costruzione, potrebbero rischiare di essere fra quelli considerati  da “ristrutturare per essere conformi a queste norme”.

Il mio punto di vista è che, oltre al discorso del risparmio energetico, sarebbe necessario inserire anche normative che riguardano i materiali da costruzione, per arrivare ad una nuova era in cui le case, le aziende, e tutte le costruzioni rispettano i criteri della bioedilizia e bioclimatica.

Per approfondire la normativa:  http://europa.eu/legislation_summaries/internal_market/single_market_for_goods/construction/en0021_it.htm

– – – – – – – – – – –

Luigi Foschi – Esperto CasaClima
Per informazioni e consulenze scrivi a: [email protected]
È possibile prendere appuntamenti per consulenze a distanza
con videochiamata su Skype o Hangout su Google+
– – – – – – – – – – – –

facebookSeguimi su Facebook 


– – – – – – – – – – – –

 Consigli di lettura per approfondire l’argomento:

 

La Casa Ecologica

 

Pubblicato da Luigi Foschi

Eco-geometra e arredatore d’interni, appassionato di bioedilizia e costruzioni a impatto zero, da circa 15 anni lavora nel settore dell’edilizia. Ama il legno in tutte le sue forme e ha realizzato diversi sistemi di risparmio energetico e bioedilizia nella propria casa. Oggi propone ai suoi attenti clienti soluzioni ideali vivere la casa in naturale e senza sprechi di energia e denaro. È un esperto certificato da CasaClima J (Bolzano). Riceve nel suo studio a Cesena (FC). Per informazioni e consulenze: [email protected] Cell. 339 5733261

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: